L’intervento della segreteria generale Cisl Annamaria Furlan