Esecutivo allargato della Slp Cisl Umbria. Marco Carlini: “Il rinnovo contrattuale in Umbria interessa 1600 lavoratori”

ESECUTIVO ALLARGATO DELLA SLP CISL UMBRIA 

IL SEGRETARIO MARCO CARLINI: “NEI PROSSIMI MESI SAREMO IMPEGNATI NEL RINNOVO CONTRATTUALE, CHE IN UMBRIA INTERESSA 1600 LAVORATRICI E LAVORATORI, E NELLA DISCUSSIONE DEL PIANO INDUSTRIALE”

Il segretario generale Slp Cisl Umbria Marco Carlini ha aperto i lavori dell’Esecutivo allargato della categoria dei lavoratori delle Poste. Un incontro che ha posto in primo piano, tra le altre cose, il rinnovo del CCNL. In Umbria, questo, interessa 1600 lavoratori.

PERUGIA, 12 LUGLIO 2024 – La scongiurata privatizzazione delle Poste Italiane, il rinnovo contrattuale e il piano industriale: questi i temi principali che sono emersi nel corso dell’Esecutivo allargato della Slp Cisl Umbria che si è tiene in data odierna, 12 luglio 2024, a Ponte San Giovanni di Perugia. “Ringrazio – dichiara il segretario generale regionale Slp Cisl Umbria Marco Carlini nella relazione introduttiva dei lavori – prima di tutto il segretario generale Cisl nazionale Luigi Sbarra per la vicinanza che ci ha dimostrato in questa vertenza, affrontata in sinergia con il segretario generale Slp Cisl nazionale Raffaele Roscigno, per il raggiungimento dell’obiettivo principale, ossia la scongiurata privatizzazione di Poste Italiane”. Il grazie di Carlini è andato anche alla il segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti, alla sua segreteria e ai coordinatori delle Aree Sindacali Territoriali della Cisl Umbria che si sono prodigati per dare visibilità e sostegno alla nostra posizione, ribadendo anche loro le possibili conseguenze negative che si sarebbero potute verificare anche in Umbria”.
Per la segreteria della Slp Cisl Umbria adesso rimangono due grossi temi da affrontare: la chiusura del CCNL, scaduto alla fine del 2023, che in Umbria coinvolge 1600 tra lavoratrici e lavoratori. “Siamo a buon punto con il rinnovo – precisa Carlini -, e speriamo di chiudere la partita entro l’estate”; i prossimi mesi poi saranno importanti per i lavoratori delle Poste Italiane anche per quanto riguarda il piano industriale. “Saremo impegnati – sottolinea – nella discussione del piano industriale in quanto per noi ci sono alcuni punti che dovranno essere discussi e rivisti”.
Ai lavori l’intervento del segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti: “Il dialogo e il confronto nella vertenza Poste Italiane hanno portato ai risultati sperati: infatti è stato raggiunto un importante accordo, scongiurando la possibilità della privatizzazione di un gioiello italiano che sta dando risultato sia dal punto di vista economico che in ricadute sociali nel territorio. L’accordo raggiunto inoltre è importante in quanto veicola la politica della partecipazione dei lavoratori rispetto alle strategie di impresa. Questo strumento deve servire per valorizzare il personale che svolge un ruolo importante anche nei territori più difficili e soprattutto in quelli marginali”. Il segretario Manzotti a riguardo ricorda il ruolo svolto durante la fase pandemica e nel ricordarlo fa riferimento anche a quel processo di desertificazione bancaria che sta riguardando anche, ormai da tempo, l’Umbria.

Omcl di Foligno, avvio ufficiale dell’iter di gara europea per il progetto 6 binari “lunghi”. Fabio Ciancabilla (Fit Cisl Umbria): “Opera strategica”

FOLIGNO, 9 luglio 2024  La Fit Cisl Umbria, per bocca del suo segretario regionale Fabio Ciancabilla, esprime soddisfazione per l’avvio ufficiale in data 3 luglio dell’iter di gara europea per la realizzazione del progetto 6 binari “lunghi” all’interno delle OMCL di Foligno. La notizia è stata data oggi dalla dirigenza di impianto alla RSU.

“L’opera per un valore di circa 50 milioni di euro – ricorda il segretario regionale Fabio Ciancabilla – è strategica per il futuro dell’impianto folignate in quanto permetterà alle OMCL di Foligno di diversificare la produzione che non sarà più concentrata sui soli locomotori della Divisione Regionale Nazionale di Trenitalia ma anche sugli ETR 103/104 (POP) e ETR 324/425/526 (Jazz)”.

“Come FIT CISL Umbria – prosegue – faremo il possibile per coniugare con specifici accordi sindacali, se richiesti, le necessità produttive dell’impianto con quelle che riguardano i lavori per realizzare le nuove infrastrutture. Ci auguriamo che tutto possa procedere senza intoppi visto che una volta che le nuove opere infrastrutturali saranno operative potranno garantire negli anni futuri positivi scenari occupazionali”.

Al via il corso di formazione della Cisl Umbria per giovani sindacalisti

FOLIGNO, 8 luglio 2024 – “I nostri valori, la nostra strada”: con questo slogan è partito il 5 luglio 2024, dalla sede della Cisl di Foligno, il primo corso di formazione della CISL Umbria per giovani sindacalisti. Un’iniziativa che ha visto l’adesione di una quarantina di iscritti provenienti dalle categorie della realtà sindacale regionale, con il convinto sostegno dei relativi segretari regionali. Il PER-CORSO di FORMAZIONE si svolgerà in sessioni mensili, che vedranno la presenza di formatori e formatrici della CISL, professionisti di livello nazionale e dirigenti sindacali, in una serie di incontri che si svolgeranno in maniera itinerante su tutto il territorio regionale. Filo conduttore del primo modulo, che ha visto la presenza come docente di Luigi Lama del Centro studi Cisl di Firenze, i valori fondanti contenuti nello Statuto della CISL, che sin dalla sua nascita, negli anni Cinquanta, ha fatto della formazione uno dei pilastri della propria azione sindacale e su cui il segretario nazionale generale Luigi Sbarra è tornato a porre con determinazione l’accento.
Ad aprire la prima sessione di lavoro erano presenti il segretario Regionale Generale della CISL Angelo Manzotti e il Segretario Regionale Riccardo Marcelli, che ha coordinato il gruppo di lavoro con cui si è ideato, progettato e lavorato alla realizzazione del progetto. “Questo corso rappresenta una grande soddisfazione e una straordinaria occasione di crescita per tutta la CISL Umbra – dichiara il segretario Manzotti -. Una sfida in cui tutto il gruppo dirigente crede fermamente e che riteniamo possa diventare un elemento strutturale della nostra attività e del nostro impegno. Senza formazione non c’è crescita, non c’è qualità nella rappresentanza dei lavoratori e non c’è la capacità di affrontare le complessità che oggi incidono sulla società e il mondo del lavoro. Attraverso questa esperienza formativa noi vogliamo trasferire a coloro che per la prima volta si avvicinano al mondo sindacale, il senso alto dei valori che ci guidano, la responsabilità di chi è chiamato a rappresentare le lavoratrici e i lavoratori di questo Paese e la passione per un’attività che continua ad essere un elemento insostituibile di dialogo, elaborazione culturale e risoluzione dei problemi della nostra società”. Il PER-CORSO riprenderà con il secondo incontro formativo che si terrà ad Amelia nel mese di settembre.

Cisl Umbria TV

Labor TV


Labor TV. La TV dei lavoratori


TGR Umbria


Guarda l'ultima edizione del TG Regionale Umbria della RAI.