“Da Terni Green a Italia Green”: la Cisl di Terni per l’ambiente, la sostenibilità e lo sviluppo

by CISL LDS

Il pomeriggio di mercoledì 7 ottobre, a partire dalle ore 16,30 presso la biblioteca di Terni, sarà ricco di spunti e proposte tutte dedicate all’ambiente, alla sostenibilità e allo sviluppo. La Cisl Umbria presenterà, in collaborazione con Arpa Umbria e Bct Terni, il libro “Italia Green” del giornalista Rai Marco Frittella. 

Il pomeriggio inizierà con un dialogo sulla sostenibilità, a cura del coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Cisl Terni-Orvieto Riccardo Marcelli: in “Lo sapevate che… da Terni Green a Italia Green. Gestire la transizione per la città sostenibile” il rappresentante della Cisl dialogherà con

Giuseppe Cioffi, Vicepresidente Confindustria Terni

Davide Milani, Vivogreen

Sauro Pellerucci, Paginesì

Luca Proietti, Direttore Generale Arpa Umbria

Benedetta Salvati, Assessore all’ambiente Comune di Terni

Vanna Ugolini, responsabile redazione Il Messaggero di Terni

 

Alle ore 17.30 Massimo Colonna presenterà il libro “Italia Green” di Marco Frittella. Sarà presente l’autore.

 

L’iniziativa fa parte del programma del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020 (ASviS) che si tiene in tutta Italia fino al prossimo 8 ottobre.

Torna #FaiBellaLItalia anche in Umbria

by CISL LDS

Dario Bruschi (Fai Cisl Umbria): “Appuntamento irrinunciabile”

#FaiBellalItalia: il prossimo 5 giugno sarà la seconda Giornata nazionale per la cura dell’ambiente. La Fai Cisl Umbria, nella consapevolezza del momento e delle criticità legate al Covid-19, non ha voluto rinunciare a questo appuntamento nazionale, che si declina nelle varie realtà territoriali. Per l’Umbria la scelta è caduta su Bevagna e sul suo laghetto Aiso. 

“Nello scegliere di contribuire a ripulire l’area verde attigua al laghetto Aiso – spiega il segretario generale regionale Fai Cisl Umbria Dario Bruschi– oltre a far conoscere un luogo bello e suggestivo dell’Umbria, abbracciamo anche il messaggio della sua leggenda che vuole sottolineare il disvalore dell’avidità in opposizione con quello del rispetto della persona e delle proprie libertà, nel caso specifico quella religiosa, da esercitare attraverso un uso sano e consapevole del tempo”.

L’iniziativa di quest’anno sarà in forma ridotta. “Ci troveremo la mattina del 5 giugno alle ore 9,30 e saremo volutamente in pochi – spiega Bruschi -; anche se a Bevagna lasceremo un segno tangibile del nostro passaggio: in quell’area infatti saranno sistemati per i futuri visitatori dei cestini, compatibili dal punto di vista ambientale, da noi donati per la raccolta differenziata”. 

Chi vorrà potrà inviare le immagini del proprio contributo della giornata alla Fai Cisl (regolamento su www.faicisl.it): “Il Covid-19 -ha concluso Bruschi- ha dimostrato ancora una volta la necessità del rispetto dell’ambiente, attenzione che come categoria abbiamo sempre avuto ed evidenziato con proposte come questa. Ringraziamo sin da ora il sindaco di Bevagna Annarita Falsacappa per la sensibilità manifestata, confermando la propria presenza alla nostra iniziativa”.

La Cisl Umbria guarda con favore a questa proposta. Per questo sarà presente il segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti che punta l’attenzione sul significato di un gesto su un tema per il quale c’è un crescente interesse anche da parte delle nuove generazioni: quello dell’ambiente. “Nella fase successiva a quella del Covid-19 – afferma Manzotti – l’ambiente assumerà per l’Umbria un valore strategico per il rilancio del tessuto economico ed occupazionale: da conciliare gli aspetti produttivi con quelli della sostenibilità”.

Nel. video, immagini e parole della prima edizione

 

L’ambiente, nel dialogo intergenerazionale della Fnp Cisl Umbria

by CISL LDS

L’ambiente tra le priorità del dialogo intergenerazionale dei pensionati della Cisl Umbria, del suo coordinamento donne e dell’associazione di volontariato Anteas. Questa mattina, 21 novembre, in occasione della Festa degli Alberi 2019 i rappresentanti sindacali con il segretario territoriale Fnp Cisl Umbria di Perugia Luigi Fabiani, la coordinatrice regionale donne Fnp Cisl Umbria Novella Biondi e Nerina Antolini Ponti della Fnp Cisl Umbria assieme alla dirigente scolastica Iva Rossi sono intervenuti a “Piantare un albero: un albero per amico”. In realtà le piante alle quali si sono dedicate le scolaresche delle scuole primarie Giovanni Cena e Lombardo Radice e della scuola di infanzia Italo Calvino sono state tre: un ciliegio, un olivo e una pianta di cachi. Ai piedi delle quali i bambini hanno adagiato i loro messaggi, custoditi per tutta la cerimonia in alcuni cestini. La mattinata inoltre ha visto la partecipazione, con le proprie realizzazioni artistiche, della casa quartiere Sant’Anna.

Le piante poste nell’area verde dell’edificio scolastico, nell’intenzione del sindacato, sono simbolo di futuro e di rispetto ambientale, oltre che portatrici di un messaggio di conservazione del pianeta per le nuove generazioni. Fabiani (nella foto a sinistra), riprendendo i temi cari ai giovani #FridayforFuture, ha sottolineato l’importanza degli animali e delle piante nella vita delle persone e nel prevenire disastri ambientali. “Senza piante noi non possiamo vivere –ha detto il dirigente sindacale- e per restituire a voi e ai vostri figli un pianeta migliore dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere, rendendolo più sostenibile e rispettoso. Il futuro inizia dalle azioni presenti, da quello che noi facciamo e che trasmettiamo ai nostri figli e nipoti”.

UN ALBERO PER AMICO – locandina

Angelo Manzotti (Cisl Terni – Orvieto): “Le periferie esistenziali? Sono i luoghi a rischio spopolamento, dove non ci sono lavoro e servizi”

angelo manzotti“Il salario minimo non può essere la risposta, il Decreto Dignità ha generato false illusioni per i lavoratori, era più funzionale lo strumento del Rei”. A ritornare sulle vecchie e nuove povertà del territorio ternano è Angelo Manzotti, coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Cisl Terni-Orvieto, e lo fa in in un momento organizzativo particolare, quello all’indomani della Conferenza Organizzativa della Cisl (che si è svolta a Roma da martedì 9 a giovedì 11 luglio) e ha posto come tema centrale, proprio quello delle periferie esistenziali. “A Terni – chiarisce Manzotti, che cala i contenuti nazionali sul proprio territorio- non dobbiamo fare i conti con le periferie delle città metropolitane, ma molti temi legati alla povertà sono anche nel nostro territorio e trovano forma in quartieri, aree a rischio spopolamento dove non ci sono adeguati servizi alla persona e dove, una volta fuoriusciti dal mercato del lavoro, non si riesce a trovare una nuova occupazione”.
La questione per il sindacato rappresentato da Manzotti si può sintetizzare in un dato. “Solo a Terni – sottolineai il sindacalista- sono state presentate, anche su nostro suggerimento, alla sede Inps di Terni circa 2000 domande di Rei, delle quali solo un terzo respinte in quanto prive di requisiti”.

Ma come se ne esce? La Cisl ritorna sulla questione della contrattazione, welfare aziendale, formazione e del sempre più necessario collegamento tra scuola e lavoro. “E’ impensabile che i nostri ragazzi sappiano cosa è un sindacato, un contatto collettivo e come si fa un curriculum. Per la Cisl – precisa- diviene necessario avvicinare questo mondo, far capire ai giovani che ci siamo e quale ruolo abbiamo avuto e ancora svolgiamo in una società dove il lavoro è sempre meno e sempre più precario. Anche quest’anno – ammette- auspico di poter contribuire in qualche incontro con i giovani, come già fatto all’occorrenza a Orvieto”.

Per quello che riguarda la crisi economica e le sue ricadute in termini occupazionali, Manzotti teme che l’acuirsi della stessa possa peggiorare anche la questione della sicurezza nei luoghi di lavoro. “Dobbiamo continuare a vigilare, dare sempre più concretezza agli strumenti esistenti e trovarne di nuovi affinché ci sia la certezza da parte di ogni lavoratore di svolgere la propria mansione senza rischiare di farsi male o addirittura di perdere la vita. Su questo fronte siamo impegnati, anche con gli enti bilaterali”.

La Cisl sul territorio di Terni, inoltre, ha condiviso una piattaforma unitaria propositiva con Cgil e Uil Terni per il rilancio del tessuto produttivo del comprensorio, con particolare attenzione alle dinamiche occupazionali che devono tener conto dei limiti infrastrutturali. “E’ arrivato il momento – aggiunge Manzotti- di portare a termine progetti incompiuti, come la Piastra Logistica, che oltre a essere un’opportunità per le imprese del territorio e per l’occupazione è anche una risposta concreta in termini di sostenibilità ambientale.

Terni, 19 luglio 2019

Ast Terni, a Roma presentato il primo bilancio di sostenibilità. Per la Fim Cisl e la Cisl: “Ora nuovi obiettivi per innovare le relazioni sindacali”.

Dichiarazione del Segretario Regionale Fim Cisl Umbria Simone Liti e del Coordinatore Area Sindacale Territoriale Cisl Terni – Orvieto Angelo Manzotti

bilancio di sostenibilità (1)È stato presentato questa mattina il primo bilancio di sostenibilità di Ast TERNI. Questo rappresenta un altro tassello importante nella costruzione di più solide relazioni sindacali. L’appuntamento odierno arriva dopo il piano industriale, l’accordo sull’integrativo e la sottoscrizione del protocollo Sas in prefettura a Terni. Anche in quest’ultima occasione le organizzazioni sindacali sono state protagoniste anche grazie alla richiesta di un bilancio di sostenibilità.

 

 

 

bilancio sostenibilità (2)Come Fim e Cisl quindi non possiamo che essere soddisfatti per quanto illustrato oggi a Roma da Ast: si tratta di un impegno che va in un’ottica di valorizzazione del territorio (di quella realtà dove opera l’azienda), che dà rinnovato impulso alla tanto auspicata economia circolare e quindi alla sostenibilità ambientale, incidendo in questo modo anche nel tessuto economico e sociale. Quello di questa mattina, dunque, può essere un importante passo per rilanciare l’occupazione che, affiancato con buone pratiche di formazione, può anche creare l’opportunità per nuovi profili professionali.

 

bilancio sostenibilità (0)La prospettiva, con questo nuovo atto, deve rafforzare ancora di più il concetto di strategicita’ del sito siderurgico di Ast TERNI, dove la cultura della sostenibilità ambientale e sociale deve essere impulso di sviluppo e crescita. Traguardi possibili solo attraverso il continuo e costruttivo potenziamento e l’innovazione delle relazioni sindacali.

Roma, 8 luglio 2019

#FaiBellaLItalia, anche in Umbria la Fai Cisl per la cura dell’ambiente

Il 5 maggio è stata la prima giornata nazionale della Fai Cisl per la cura dell’ambiente. In Umbria è stato scelto il parco fluviale di Ponte Felcino – Ponte Valleceppi (Perugia)

Il senso della giornata nelle parole del segretario nazionale Fai Cisl Attilio Cornelli, del segretario generale regionale Fai Cisl Umbria Dario Bruschi e del coordinatore per la Cisl Umbria dell’Area Sindacale Territoriale Terni-Orvieto Angelo Manzotti

#FaiBellaLItalia #Ambiente

Fai bella l’Italia, in Umbria l’appuntamento è al parco fluviale di Ponte Felcino (Perugia)

Locandina giornata nazionale ambiente-1Come già anticipato nel video, è tutto pronto per la giornata dedicata all’ambiente, che vedrà impegnata la Fai Cisl – Federazione degli agroalimentaristi per tutta Italia. In Umbria l’appuntamento del prossimo 5 maggio è alle ore 10,00 al parco fluviale di Ponte Felcino – Ponte Valleceppi (con ritrovo ai giardini Thebris di Ponte Felcino) ed è patrocinato dal Comune di Perugia e dall’azienda Gesenu.

“L’iniziativa #FaiBellaLItalia è promossa dalla Fai Cisl e vedrà mobilitati in tutta Italia dirigenti e attivisti del sindacato, nonché volontari e comuni cittadini –ha fatto sapere Dario Bruschi, segretario generale regionale Fai Cisl Umbria- in concrete iniziative di salvaguardia del territorio. Noi saremo a Perugia e ci dedicheremo alla cura del parco fluviale di Ponte Felcino – Ponte Valleceppi, portando avanti lo spirito che anima questa giornata – continua il segretario-, ossia quella di ribadire l’importanza del nostro straordinario patrimonio naturalistico che deve essere preservato per garantire la qualità della vita di tutti i giorni, ma anche per lasciare ai nostri figli tutta quella bellezza che ci è stata lasciata in eredità dai nostri padri”.

In questo modo la Fai Cisl continua a mettere in campo azioni concrete, non solo proposte di politica sindacale, in perfetta linea con l’istituzione del numero verde 800 199 100 per contrastare il caporalato. “Con #FaiBellaLItalia – conclude Bruschi- si rafforza lo spirito del fare che caratterizza la Fai Cisl a tutti i livelli”.

TUTTI GLI ORGANI DI INFORMAZIONE SONO INVITATI

Fai Cisl Umbria

Perugia, 3 maggio 2019                                                                        

A Terni, Cgil Cisl Uil “Per un nuovo modello di sviluppo nella provincia ternana”

by CISL LDS

attivo unitario cgil cisl uil terniLavoro e ambiente sono state le due parole chiave dell’attivo unitario di Cgil, Cisl e Uil che si è tenuto questa mattina a Terni, presso la Cassa Edile. I sindacati infatti si sono riuniti “Per un nuovo modello di sviluppo nella provincia ternana” e quindi, con l’incontro odierno, chiedono un rinnovato confronto con le istituzioni a tutti i livelli e le associazioni datoriali che possa permettere di guardare al futuro attraverso una progettazione sostenibile.  Per questo hanno elaborato un documento, nel quale sono state sintetizzate le priorità e che a partire dai prossimi giorni sarà portato all’attenzione dei lavoratori attraverso una serie di assemblee.

attivo unitario - manzotti e marcelli“E’ possibile coniugare il lavoro con le questioni ambientali”, di questo sono certi Angelo Manzotti (Cisl Terni), Attilio Romanelli (Cgil Terni), Guglielmo Bizzarri (Uil Terni), Riccardo Marcelli (Cisl Umbria) e Vincenzo Sgalla (Cgil Umbria). “L’area di crisi complessa deve essere l’occasione per il rilancio del territorio, che va oltre i confini comunali -hanno proseguito- e questo deve essere funzionale a ridisegnare un nuovo modello di sviluppo che deve comunque valorizzare il settore produttivo e industriale con particolare attenzione alle questione legate all’ambiente”.

Nel corso dell’incontro, inoltre, è emersa la necessità di una legge regionale sugli appalti al fine di evitare ii perpetrarsi del fenomeno del dumping contrattuale e la politica del massimo ribasso per rendere questo strumento utile allo sviluppo economico del territorio. “Un territorio che ha bisogno di un nuovo welfare –hanno concluso i rappresentati dei sindacati confederali- che deve essere più attento alla persona e alle esigenze della comunità, con particolare attenzione all’aspetto sanitario”.

Terni, 22 marzo 2019

La Cisl Umbria per l’ambiente

La Cisl Umbria sostiene la Marcia per il Clima promossa da fridaysforfuture.org del 15 marzo

Il segretario regionale Cisl Umbria Riccardo Marcelli sottolinea l’importanza dell’iniziativa: “Il futuro è dei giovani e noi abbiamo il compito di lasciar loro il Paese in condizioni migliori”