Ultime notizie

Che futuro per l’Agenzia Forestale dell’Umbria? Sindacati e lavoratori pronti alla mobilitazione

by CISL LDS

Flai, Fai e Uila: da sei mesi aspettiamo una convocazione in Regione

Nel paese delle catastrofi naturali periodiche è assolutamente inaccettabile che gli strumenti pubblici per la prevenzione e la cura del territorio, che esistono e funzionano, non vengano tenuti nella giusta considerazione. Lo dicono all’unisono i sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil dell’Umbria, insieme ai lavoratori dell’Agenzia Forestale (circa 500 in tutto), che oggi hanno tenuto una conferenza stampa proprio per chiedere la ripresa del confronto con la Regione sul futuro di Afor, confronto interrotto ormai da 6 mesi. “Dobbiamo chiarire in primis che qui non parliamo di un ‘carrozzone’, ma di un’agenzia pubblica, con professionalità importanti, che ha sicuramente giocato e può giocare un ruolo strategico nella cura del territorio e nella prevenzione – hanno affermato i segretari di Flai, Fai e Uila, Michele Greco, Dario Bruschi e Daniele Marcaccioli – Ma per fare questo servono alcuni interventi urgenti”. In particolare, i sindacati individuano tre priorità: concludere il percorso di riforma endoregionale arrivando alla liquidazione definitiva delle Comunità Montane con il passaggio di importanti funzioni all’Agenzia Forestale; procedere ad un consistente turnover generazionale, visto che l’età media in Afor è molto alta (quasi 60 anni) e questo non si concilia per nulla con la tipologia di lavori fisici e pesanti che gli operai forestali devono svolgere; infine, c’è la questione, centrale e che racchiude le altre, della prospettiva che si vuole dare all’Agenzia. “I lavoratori hanno il diritto di sapere quali funzioni, quali obiettivi e quali progetti si vogliono assegnare a questo importante Ente – hanno detto ancora Greco, Bruschi e Marcaccioli – perché esistono molte attività che potrebbero e dovrebbero essere svolte dall’Afor, da un soggetto pubblico, in legalità e sicurezza. Ma la Regione appare sorda a queste legittime richieste”.

E allora, se non dovesse arrivare una risposta in tempi brevi, con la convocazione da parte degli assessori competenti (Cecchini e Bartolini), “i lavoratori dell’Agenzia, insieme ai loro sindacati, sono pronti a mettere in campo le azioni di mobilitazione necessarie e sbloccare questa situazione inaccettabile”.

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Umbria

Perugia, 22 ottobre 2018

Lavoro dignitoso tra innovazione ed economia circolare

by CISL LDS

18.10.26_LavoroDignitoso_DEF_02“Lavoro dignitoso tra innovazione ed economia circolare”: il convegno, che sarà moderato dal coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Terni – Orvieto Angelo Manzotti, si terrà presso la Biblioteca Clt di Terni il prossimo 26 ottobre a partire dalle ore 9,30

I lavori saranno aperti dal segretario regionale Cisl Umbria Riccardo Marcelli e conclusi dal segretario confederale nazionale Cisl Angelo Colombini

Terni, seminario di approfondimento sul Decreto Dignità

by CISL LDS

18.10.19decretodignita-terniVenerdì 19 ottobre, presso la sede Cisl di Terni, si è tenuto un partecipato seminario di approfondimento sul Decreto Dignità (Legge n.96/2018 di conversione del d.l. n.87/2018), organizzato dal Coordinamento dell’Area Sindacale Territoriale Terni-Orvieto.

All’incontro, introdotto dal Coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Terni-Orvieto Angelo Manzotti, ha partecipato l’avvocato Romina Pitoni (nella foto).

Il Decreto Dignità integra il Jobs Act -sottolinea Manzotti- sia per quanto riguarda il ricorso dei lavoratori a tempo determinato che in materia di licenziamenti considerati illegittimi”.

Elezioni Rsu Colussi, la Fai Cisl Umbria primo sindacato

by CISL LDS

Elezioni Rsu Colussi, la Fai Cisl Umbria primo sindacato. La grande soddisfazione della categoria degli agroalimentaristi della Cisl viene espressa dal responsabile territoriale di Foligno, Loreto Fioretti, che descrive questo risultato come “per niente scontato conseguito dopo un periodo particolarmente difficile e complesso a livello sindacale che aveva portato anche alle dimissioni delle Rsu”.

La Fai Cisl Umbria ringrazia tutti i candidati e la squadra che ha contribuito a realizzare questo successo. A rappresentare la Fai Cisl Umbria in Colussi saranno Marco Scarponi, Francesco Pompei e Gabriele Perilli. A loro va l’augurio di buon lavoro della categoria in un’azienda simbolo per l’intero territorio. “La Fai Cisl – conclude Fioretti- sarà determinata nella propria azione sindacale, sempre a vantaggio dei lavoratori che anche con queste votazioni hanno dimostrato di seguirci in questa fase di avviato cambiamento”.

Fai Cisl Umbria
Foligno, 19 ottobre 2018

Filctem CGIL Terni-Femca CISL Umbria: “Situazione estremamente complicata alla Terny Industry”

by CISL LDS

I lavoratori della ex-Neofil, nel sito Polymer di Terni, si trovano a dovere fronteggiare l’ennesima difficoltà emersa negli ultimi mesi, in quanto non percepiscono retribuzione dai primi giorni di Agosto e non si riesce a sbloccare l’erogazione della Cassa Integrazione in Straordinaria!

Attualmente la Terny industry ha presentato richiesta di concordato al giudice.

A causa della concomitanza di diversi fattori, però, l’Azienda non riesce ad avviare l’iter con INPS per l’accesso agli ammortizzatori sociali per i propri lavoratori.

I conti corrente sono bloccati e la società di Consulenza del Lavoro che serviva la Terni Industry ha comunicato l’abbandono per insolvenza del proprio committente.

Di certo, l’Ente Previdenziale non è responsabile di tale inconveniente: la situazione organizzativa, economica e finanziaria dell’azienda non è facile.

Questa serie di eventi, uniti a problematiche tecniche nonché alla sottovalutazione della situazione da parte della Direzione Aziendale, si è rovesciata sui lavoratori che da alcuni mesi si trovano senza stipendio né assegno di Cassa Integrazione.

Non va, peraltro, dimenticato che i lavoratori già non percepivano le dovute spettanze da alcuni mesi precedenti alla richiesta di Concordato!

Come sindacati, Filctem CGIL e Femca CISL abbiamo subito capito la complessità del problema e ci siamo attivati come catalizzatori, mettendo in contatto il nuovo Consulente dell’azienda e INPS, purtroppo senza esito positivo.

Non ci rimane altro che spiegare le nostre posizioni a tutte le figure preposte alla gestione del concordato di Terny Industry, in questo momento in fase di valutazione da parte del giudice, e procedere per vie legali a tutela dei lavoratori, i quali risultano essere i più penalizzati da questa situazione.

Filctem CGIL Terni-Femca CISL Umbria

Terni 19.10.2018

Thyssenkrupp cambia strategia, ora nuovo piano di sviluppo

by CISL LDS

In data odierna le Segreterie Territoriali sono state convocate  dall’AD di AST rispetto a nuove comunicazioni  delle strategie di riorganizzazione che la Thyssenkrupp AG, a livello societario, sta attraversando.

Durante l’incontro l’AD Massimiliano Burelli  ha comunicato ai Segretari delle Organizzazioni Sindacali che Thyssenkrupp AG, a differenza di quanto comunicato al MISE il 18 settembre 2018, AST torna core business all’interno della nuova divisione Thyssenkrupp Materials.

Come Organizzazioni Sindacali registriamo un cambio radicale di strategia industriale da parte di Thyssenkrupp AG, rispetto a quanto annunciato e ribadito dal 2011 in avanti, dove AST non era più strategica con una prospettiva futura di vendita del sito.

Da parte delle Organizzazioni Sindacali è stato evidenziato che tale scenario rappresenta certamente una novità che nell’immediato futuro sgombra il capo da incertezze rispetto agli assetti societari riconsegnandoci  un quadro aziendale  che deve  creare le condizioni per sviluppare al meglio le prospettive future.

 In merito all’annuncio odierno, riteniamo che il nuovo del piano industriale debba andare oltre al consolidamento dello stato attuale creando prospettive di sviluppo in merito a volumi, investimenti, occupazione missione delle ex società controllate e aspetti ambientali.

Riteniamo che l’incontro del 29 ottobre 2018 già in programma per discutere il piano industriale di AST, è di fondamentale importanza per verificare e certificare che all’annuncio  di oggi ci sia una conseguente e coerente operazione industriale da parte dell’azionista.

Le Segreterie Territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Ugl, Fismic, Usb

TERNI 17/10/2018

Per un’Umbria libera dall’amianto

by CISL LDS

bastia umbra - 12.10.2018Cgil Cisl Uil regionali hanno rilanciato alla Fiera Ecosostenibile di Bastia Umbra “Fa’ la cosa giusta”, la questione amianto.

Lo hanno fatto sostenendo la piattaforma nazionale unitaria che sta animando il dibattito anche in Parlamento, partendo dalla consapevolezza che l’amianto rappresenta anche in Umbria un problema, chiedendo al tempo stesso alla presidente della Giunta regionale di fare altrettanto durante la Conferenza delle Regioni in programma il prossimo 18 ottobre. Che l’amianto sia un problema di stringente attualità è un dato di fatto, come dimostra il recente allarme lanciato dai vigili del fuoco che si sono occupati delle macerie nel cratere del terremoto, oltre alle statistiche ufficiali, che collocano ad esempio Terni al 65esimo posto nella classifica dei comuni italiani per casi di mesotelioma.

 

Cosa chiedono le organizzazioni sindacali?

  • Nuova rilevazione e mappatura (superando il sistema dell’auto notifica o autodenuncia)
  • Rilevazione che indichi il grado di emergenza
  • Avviare una campagna informativa verso i cittadini
  • Finanziare la bonifica con leggi che aiutino i privati a risolvere il problema
  • Una normativa che tuteli la professionalità di chi svolge attività di bonifica
  • Intervento risolutivo legislativo per ex esposti per i benefici contributivi.

 

Di qui la prima necessità: fare in modo che rapidamente i Cor, i Centri Operativi Regionali che analizzano e studiano i mesoteliomi, siano strutturati per la ricerca e lo studio anche di tutti i tumori asbesto correlati e che il ReNaM (Registro nazionale dei mesoteliomi) diventi il registro di tutti i tumori asbesto correlati. E poiché si tratta di tumori di origine professionale, l’Inail deve essere maggiormente coinvolta sia in termini di risorse finanziarie che di risorse professionali.

 

Nel merito vogliamo riaffermare alcuni criteri:

– validità dei 10 anni di esposizione come soglia per la rivalutazione degli anni di lavoro ai fini previdenziali;

– la conferma del moltiplicatore dell’1,5 per la rivalutazione degli anni di lavoro ai fini previdenziali;

– la validità almeno fino al 2003 del periodo massimo valido ai fini della maggiorazione previdenziale, come indicato dal decreto (2007) dell’ex Ministro Cesare Damiano, che lo limitava solo ad alcuni stabilimenti.

“Il primo obiettivo – hanno detto all’unisono Vasco Cajarelli, Riccardo Marcelli e Francesca Fiorucci, segretari regionali rispettivamente di Cgil Cisl e Uil – è di rimuovere l’idea sbagliata che l’amianto in Umbria non ci sia: è necessario affrontare il problema, negarlo sarebbe un errore grave”.

Tenendo presente tutto ciò, le organizzazioni sindacali chiedono alla presidente Marini di sostenere la piattaforma di Cgil Cisl Uil, annunciando la partecipazione al presidio organizzato per il 6 novembre 2018.

Cgil, Cisl, Uil Umbria

Perugia, 17 ottobre 2018

Amelia, Fim Cisl al primo corso Smart Union Ue

by CISL LDS

amelia-15.10.2018Sindacato: FIM Cisl primo corso per Smart Union UE
In Industria4.0 il sindacato farà la differenza

AMELIA – Ha preso il via oggi presso la Scuola di Formazione della Fim Cisl di Amelia, con la tavola rotonda “Le relazioni industriali in Industry 4.0: nodi problematici e potenzialità del cambiamento”, con Marco Bentivogli (Segr. Gen. Fim Cisl), Corrado La Forgia (Direttore Industriale e AD Bosch), Libera Insalata (Area HR Manfrotto) coordinati da Carlo D’Onofrio Giornalista di Conquiste del lavoro, il Corso Smart Union, il sindacato 4.0, in collaborazione con Adapt, nell’ambito del progetto SUNI Smart Unions for New Industry, cofinanziato dalla Commissione Europea con l’obiettivo di formare i sindacalisti alla rappresentanza nel lavoro 4.0., progetto a cui, oltre all’Italia, partecipano università e sindacati di Germania, Spagna, Svezia.
Il segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli, aprendo la tavola rotonda, ha voluto sottolineare che “siamo in una fase di straordinaria importanza e di grandi opportunità; e che saper gestire la transizione sarà fondamentale per il Paese. Il sindacato in questo senso potrà fare la differenza, a patto che il sindacalista 4.0 accetti la sfida del cambiamento; che vuol dire acquisire sapere, conoscenza, comprensione delle tecnologie: per questo motivo, la Fim Cisl, oggi, è l’unico sindacato che prende parte a un competence center, insieme al Politecnico di Milano. Per noi – sottolinea Bentivogli – è fondamentale cambiare l’organizzazione e le competenze sindacali, spostando le politiche contrattuali dalla job protection alla skill protection: oggi dobbiamo avere il coraggio di dire alle persone che la garanzia della protezione della propria professionalità è fondamentale al pari della sicurezza e del salario perché la formazione è il vero diritto al futuro delle persone”.

“Chi contratta oggi – precisa Bentivogli– deve capire di quale formazione le persone hanno bisogno e aiutare le imprese che restano indietro ad agganciare l’innovazione, così come è necessaria una nuova cultura sindacale e d’impresa, che sia aperta a una gestione inedita degli orari che punti a conciliare i tempi di vita e di lavoro, oggi possibile grazie alla tecnologia. L’approdo finale deve essere la partecipazione dei lavoratori dentro le scelte strategie d’impresa”.

Libera Insalata, responsabile HR della Manfrotto, ha sottolineato come la vera sfida sia di carattere culturale. La tecnologia fa la differenza – ha commentato – ma solo quando arriva alle persone, per questo la formazione è fondamentale. Con il recente contratto aziendale realizzato alla Manfrotto – ha concluso – abbiamo trovato come interlocutore un sindacato disposto a sfidarci sul cambiamento. La Forgia di Bosch ha messo in guardia da atteggiamenti superficiali, tipici di quell’Italia pigra, che va avanti “a prescindere”.

Ciò ad esempio che si rileva riguardo a Industry 4.0, in molte piccole e medie imprese, che spesso, non sanno cosa significhi questa nuova frontiera. Citando l’ultimo rapporto del MISE, La Forgia ha evidenziato che solo l’8.42% delle imprese italiane dichiara di aver adottato tecnologie riconducibili a Industria 4.0. Per La Forgia, nei prossimi anni, avremo di fronte due problemi: il ricambio generazionale, visto che il 70% del management delle Pmi italiane ha una media di 70 anni, e la digitalizzazione: sfide che possono essere grandi opportunità, se tuttavia cambia la cultura e cresce la consapevolezza rispetto all’innovazione. In questo processo il sindacato può essere una grande risorsa, a patto che studi e che non sia ostile al cambiamento; è quanto sta dimostrando con le sue scelte la Fim Cisl, capace in questo senso di fare la differenza.

Ufficio stampa Fim Cisl Nazionale

Amelia, 16 ottobre 2018

Organici ospedale di Terni: c’è l’impegno della Regione ad attuare l’accordo entro il 15 dicembre

by CISL LDS

Siglata un’intesa tra Fp Cgil, Fp Cisl, Uil Fpl, Rsu e assessore Barberini: “Applicazione integrale”

L’accordo per le nuove assunzioni e per le stabilizzazioni all’azienda ospedaliera di Terni, siglato dai sindacati con la stessa azienda e con l’assessorato regionale alla Sanità, sarà applicato integralmente entro e non oltre il 15 dicembre 2018. Lo hanno sottoscritto oggi, con un verbale d’intesa, i sindacati Fp Cgil, Fp Cisl, Uil Fpl regionali e di Terni, la Rsu dell’azienda ospedaliera di Terni e l’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini. Nel verbale si legge: “L’accordo del 16 marzo 2017, visto e approfondito l’attuale stato di attuazione (bandi di concorso, piena applicazione della legge Madia sulle stabilizzazioni, individuazione del fabbisogno), sarà applicato in tutte le sue parti e forme (autorizzazione della Regione, etc.) entro e non oltre il 15 dicembre 2018, anche alla luce del termine ultimo per determinare i fabbisogni di ogni singola azienda del territorio regionale e della predisposizione del nuovo Piano sanitario regionale”. 
Sindacati, Rsu e assessorato hanno anche preso l’impegno ad un “costante e continuo monitoraggio degli obiettivi e dei risultati della vertenza e della presente intesa”, fissando un nuovo confronto “entro e non oltre il 10 dicembre 2018”.  

Perugia, 15 ottobre 2018

Povertà in aumento. I Comuni intervengano

18.10.15corrieredellumbria_trentini-manzottiLa Cisl punta sulla formazione per una concertazione consapevole ed efficace. Saranno due i giorni promossi su Orvieto dalla Fnp Cisl: domani, 16 ottobre, e martedì 23 ottobre

Raffaello Trentini, responsabile dei pensionati di Orvieto, e Angelo Manzotti, coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Terni-Orvieto si preparano a questo importante momento di confronto con gli enti locali per riuscire a “garantire servizi a rete per arginare le difficoltà che si stanno estendendo a macchia d’olio”

Tutto questo nell’articolo pubblicato dal Corriere dell’Umbria del 15 ottobre 2018