Ultime notizie

Al via #FaiDiPiù, progetto per la disoccupazione agricola

by CISL LDS

Tutti gli organi di informazione sono invitati alla conferenza stampa della Fai Cisl Umbria e del Patronato Inas Cisl Umbria che si terrà mercoledì 16 gennaio alle ore 11,00 a Perugia presso la sala conferenze stampa della Cisl regionale in via Campo di Marte per presentare la campagna #FaiDiPiù, Progetto Fai Cisl – Inas Cisl per le disoccupazioni agricole. Ai lavoratori che si rivolgeranno agli sportelli della Cisl, inoltre, sarà offerta la possibilità di avere il quadro completo della propria situazione contributiva ai fini previdenziali.

La conferenza stampa sarà l’occasione anche per trattare del settore agricolo, strategico per l’Umbra, puntando l’attenzione sugli elementi di forza e di debolezza.

All’incontro con la stampa interverranno il segretario generale regionale Fai Cisl Umbria Dario Bruschi e il responsabile regionale del Patronato Inas Cisl Umbria Marcello Barni.

Quota 100: negli uffici Inas Cisl tutte le informazioni per capire meglio

by CISL LDS

La legge di stabilità ha confermato la possibilità di andare in pensione con “Quota 100”, cioè sommando 62 anni di età e 38 di contributi. 

Per accedere a questo nuovo tipo di pensione anticipata, però, saper fare la somma non sarà sufficiente.

“È fondamentale valutare tutti gli aspetti del proprio percorso lavorativo e previdenziale per effettuare la scelta migliore – chiarisce Marcello Barni, responsabile dell’Inas Cisl dell’Umbria -”.

In questi giorni sono moltissimi i cittadini che si stanno rivolgendo al patronato della Cisl per capire se possono andare in pensione con il nuovo meccanismo.

“Siamo a disposizione di tutti coloro che vogliono saperne di più su “Quota 100”, spiega Barni. “Per tutte le persone che si rivolgono a noi – continua il responsabile dell’Inas Cisl Umbria- confezioniamo uno studio personalizzato della posizione contributiva, per verificare la soluzione pensionistica più conveniente e per inoltrare la domanda di pensione”.

Inas Cisl Umbria
Perugia, 14 gennaio 2019

Pensionati in piazza a Perugia e Terni: “Non siamo il bancomat del governo”

by CISL LDS

manifestazione pensionati 28 dicembre 2018 (0)Centinaia in piazza sotto le prefetture con Spi, Fnp e Uilp contro il taglio della rivalutazione delle pensioni

In piazza a Perugia e Terni, come nel resto del paese, per difendere “la dignità di pensionate e pensionati”, usati come veri e propri “bancomat” da questo governo. È iniziata la mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil contro una manovra finanziaria considerata “iniqua e sbagliata” ed in particolare contro quella che i sindacati dei pensionati, Spi, Fnp e Uilp, definiscono una vera e propria “vessazione” nei confronti delle persone anziane. Stamattina, 28 dicembre, in pieno periodo festivo, diverse centinaia di pensionate e pensionati hanno manifestato sotto le prefetture dei due capoluoghi umbri per protestare contro la decisione del governo di tagliare la rivalutazione delle pensioni. La norma, contenuta nella legge di bilancio, prevede infatti la revisione del sistema di indicizzazione degli assegni, a partire da quelli da 1.500 euro lordi, riducendone così il potere d’acquisto. Una decisione che i sindacati definiscono “scellerata e insopportabile”. 

manifestazione pensionati 28 dicembre 2018“Ancora una volta si mettono le mani nelle tasche di chi ha lavorato duramente per una vita facendogli pagare il conto della manovra economica”, hanno ribadito nei loro interventi i segretari dei tre sindacati umbri dei pensionati, Maria Rita Paggio, Giorgio Menghini e Francesco Ciurnella, che sono poi stati ricevuti dal prefetto di Perugia al quale hanno rappresentato le ragioni della mobilitazione. Mobilitazione che – hanno avvertito Spi, Fnp e Uilp insieme alle confederazioni Cgil, Cisl e Uil – è destinata a proseguire se non arriveranno dal governo risposte immediate alle richieste avanzate dai sindacati. 

Da segnalare, infine, la presenza in piazza delle associazioni del volontariato, anch’esse duramente colpite dalla manovra del governo che raddoppia la tassazione per le realtà no profit. “Realtà che svolgono in Italia un ruolo fondamentale – hanno sottolineato i sindacati in piazza – aiutando e sostenendo le persone laddove non arriva il welfare pubblico”. 

Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Umbria
Perugia e Terni, 28 dicembre 2018

Manovra, tagli alla rivalutazione. Domani 28 dicembre pensionati in piazza in tutta Italia, anche a Perugia e a Terni

by CISL LDS

I Sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil scenderanno domani in piazza in tutta Italia per protestare contro la decisione del governo di tagliare la rivalutazione delle pensioni. La norma contenuta nella legge di bilancio prevede infatti la revisione del sistema di indicizzazione degli assegni a partire da quelli da 1.500 euro riducendone così il potere d’acquisto. 

“Il governo – dichiarano i Segretari generali di Spi, Fnp e Uilp Ivan Pedretti, Gigi Bonfanti e Romano Bellissima – usa i pensionati italiani come un bancomat. È una decisione scellerata e insopportabile perché ancora una volta si mettono le mani nelle tasche di chi ha lavorato duramente per una vita facendogli pagare il conto della manovra economica”.

Presidi si terranno davanti alle Prefetture in tutte le regioni italiane. A Roma l’appuntamento è per le ore 10 in piazza Santissimi Apostoli.

Fonte: Fnp Cisl Pensionati

Manovra. Cgil Cisl Uil: “Una Legge di Bilancio sbagliata e recessiva che mortifica lavoro e fasce deboli. Pronti alla mobilitazione con una grande manifestazione a gennaio”

by CISL LDS
23 dicembre 2018 – “Una Legge di Bilancio sbagliata, miope, recessiva, che taglia ulteriormente su crescita e sviluppo, lavoro e pensioni, coesione e investimenti produttivi, negando al Paese, e in particolare alle sue aree più deboli, una prospettiva di rilancio economico e sociale . Per rispondere ad una impostazione di politica economica  assolutamente sbagliata e che non recepisce le richieste della piattaforma unitaria Cgil, Cisl e Uil sono pronte alla mobilitazione unitaria che culminerà  con una grande  manifestazioni nazionale a Gennaio ”.
 
È il duro giudizio che Cgil, Cisl e Uil esprimono in una nota unitaria sul Maxiemendamento approvato questa notte con voto di fiducia al Senato e che aggiungono per le modalità della sua approvazione, rappresenta una grave lesione alla democrazia parlamentare”.
 
“Nel testo approvato da Palazzo Madama non c’è il minimo sforzo per intercettare le urgenti e profonde necessità espresse dai territori, dal lavoro, dalle categorie più deboli.
 
Di fronte alle enormi difficoltà dei lavoratori, dei pensionati, dei disoccupati, dei giovani, si risponde con la logica assurda e incoerente delle spese correnti e dei tagli al capitale produttivo. Le risorse per gli investimenti – già limitate – sono drasticamente ridotte, bloccando così gli interventi in infrastrutture materiali e sociali – a partire da sanità e istruzione –  necessaria leva per la creazione di lavoro, la crescita e la coesione sociale territoriale. Si fa cassa con il taglio dell’adeguamento all’inflazione per le pensioni sopra i 1522 euro lordi al mese, il blocco delle assunzioni nella PA fino a novembre e le risorse –insufficienti- per il rinnovo dei contratti pubblici. Nessuna risposta sugli ammortizzatori e neppure sul versante fiscale per lavoratori e pensionati dove invece si sceglie di introdurre la flat tax e nuovi condoni. Una legge di bilancio che colloca per il 2020 e 2021 sulle spalle degli italiani un debito di oltre 50 miliardi  in virtù delle clausole di salvaguardia, vincolando così anche per il futuro qualunque spazio per interventi espansivi che facciano ripartire il paese.
 
Un andamento che non risparmia, ma anzi infierisce di più sulle aree deboli del Mezzogiorno, come dimostra il drammatico ridimensionamento del cofinanziamento europeo per la convergenza territoriale.
 
Quella voluta dal Governo è una Manovra che non qualifica la spesa, e umilia economia reale e competitività, schiaccia la centralità della buona occupazione e del lavoro nelle dinamiche di crescita e di coesione nazionale.
 
Lasciare che la politica economica italiana sia ridotta a questo significa condannare il Paese al declino e alla definitiva rottura del suo tessuto sociale e produttivo.
 
Cgil, Cisl e Uil non possono che condannare questo andamento ed esprimere il più forte dissenso a tale politica economica. Per questo il sindacato confederale, oggi unito in un fronte compatto di proposta sulla base di una piattaforma programmatica condivisa e sostenuta da decine di migliaia di lavoratori e pensionati annuncia l’apertura di una stagione di mobilitazione e di lotta  nelle  categorie e sui territori che culminerà  con una grande  manifestazione nazionale unitaria a Gennaio.
 

Ferroni (Adiconsum Umbria): “Massima attenzione per persone sole e anziane”

by CISL LDS

direttivo adiconsum umbria - 18 dicembre 2018Al Direttivo Adiconsum Umbria del 18 dicembre, il presidente regionale Francesco Ferroni: “Porre sempre più attenzione alle proposte telefoniche di cambio contratto. Far proposte anche coraggiose sul tema dei rifiuti che rischia di diventare anche a Perugia un’emergenza. Vanno tutelati tutti i consumatori, massima attenzione per persone sole e anziane”.
Ai lavori perugini, ai quali era presente Maurizio Vulpiani della segreteria regionale Adiconsum Umbria, è intervenuto il presidente Adiconsum Marche Francesco Varagona: “La tutela sempre di più passa dai servizi – ha sottolineato-, il punto di riferimento rimangono le categorie, ma ci sono enormi spazi per difendere le persone anche oltre il proprio lavoro”.

#FaiDiPiù al Consiglio Generale della Fai Cisl Umbria

by CISL LDS

18.12.14_consiglio generale fai cisl umbriaTutela, assistenza, partecipazione le parole chiave del Consiglio Generale Fai Cisl Umbria che si è tenuto questa mattina, 14 dicembre, a Ponte San Giovanni di Perugia, alla presenza del segretario generale regionale Cisl Umbria Ulderico Sbarra e del responsabile del Patronato Inas Cisl Umbria Marcello Barni.

I lavori, presieduti dal coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Cisl Terni-Orvieto Angelo Manzotti, sono stati introdotti nel confronto tra i presenti dal segretario generale regionale Fai Cisl Umbria Dario Bruschi. “Soddisfatti per contratto agricolo – ha sottolineato- maggiore impegno per forestali e consorzi, continueremo a difendere il lavoro e i lavoratori dell’alimentare”. 

Facendo riferimento a #FaiDiPiù, Campagna per la Disoccupazione Agricola 2019 promossa dalla Fai Cisl e Patronato Inas Cisl, Bruschi ha affermato: “Anche in Umbria dalla parte dei lavoratori con tutele, servizi, assistenza e partecipazione”.