Popolare di Bari, grande attenzione della First Cisl Umbria per la vicenda e le sue implicazioni sulla Cassa di Risparmio di Orvieto

La First Cisl Umbria sta seguendo con grande attenzione la vicenda Popolare di Bari e le implicazioni sulla Cassa di Risparmio di Orvieto. Il segretario regionale Francesco Marini, in collaborazione con il direttivo regionale della First Cisl Umbria e le rappresentanze sindacali di base della banca Orvietana, sta monitorando da tempo una vicenda che, per le numerose implicazioni socio economiche, ha in più occasioni impegnato il sindacato e, ancor più oggi, lo vede in prima fila al fianco dei clienti e delle decine di lavoratori coinvolti. La situazione di incertezza e precarietà che da mesi interessa l’istituto di credito ha determinato grandi difficoltà al personale, che, solo per senso di responsabilità e rispetto nei confronti dei clienti e dei propri impegni professionali, ha continuato ad operare con correttezza e serietà. L’accelerazione impressa in queste settimane dalle vicende legate alla capogruppo, dovrebbe far riflettere le parti sindacali tutte sul ruolo e le funzioni svolte dagli organismi di vigilanza, ai quali sono demandati compiti fondamentali.
È necessario lavorare per tutelare il personale dipendente, valutando la possibilità di una riorganizzazione interna, la gestione degli attuali sportelli e i servizi. C’è un aspetto diretto che riguarda la banca e un aspetto indiretto che non va sottovalutato e che può avere ripercussioni sul territorio e sulla sua economia. Motivo per il quale la vendita non dovrà essere una pura operazione finanziaria, ma un’operazione che rientri in una logica progettuale di sviluppo dell’intera area di interesse operativo della stessa banca. A tal proposito, confidiamo in un’attenta e responsabile posizione della Fondazione, che dovrà attenzionare in modo particolare le peculiarità territoriali e socio economiche in fase di contrattazione con il nuovo partner. La First Cisl Umbria ritiene fondamentale il coinvolgimento delle istituzioni locali, sensibilizzando la comunità umbra tutta alla tutela di questo patrimonio, che difenderemo in ogni modo.
First Cisl Umbria
Perugia, 24 gennaio 2020

Vertenza ex Antonio Merloni, ci sono importanti novità per i dipendenti cessati

La vicenda, di cui s’è occupata per la Cisl Olivia Stazi, coordinatrice regionale degli uffici vertenze del sindacato, su Il Messaggero del 21 gennaio 2020 in un articolo del giornalista Giovanni Camirri.

Il coordinatore dell’Area Sindacale Territoriale Cisl Foligno – Spoleto Bruno Mancinelli: “A riconferma della professionalità del nostro Ufficio Vertenze, che riesce sempre più spesso a risolvere situazioni complesse come questa, a tutela dei lavoratori”.

La Cisl e la Fnp Cisl Umbria si uniscono al dolore per la perdita di Nerina Antonini Ponti

“UNA GRANDE DONNA, ATTENTA AI GIOVANI E AI DIRITTI DI GENERE, CHE HA CONTRIBUITO A FAR CRESCERE IL SINDACATO”

La Cisl e la Fnp Cisl Umbria si uniscono al dolore per la perdita di Nerina Antonini Ponti, avvenuta nella notte tra il 19 e il 20 gennaio. “E’ stata una grande donna e ha ricoperto incarichi istituzionaliricordano i colleghi della Cisl, si è impegnata con determinazione e capacità nel sociale, nel dialogo intergenerazionale e nei diritti di genere, contribuendo negli anni a far crescere il sindacato cislino”. E’ stata segretaria generale regionale Cisl Scuola Umbria, è poi confluita nella categoria dei pensionati dove ha ricoperto l’incarico di coordinatrice delle donne Fnp Cisl Umbria. Attiva e propositiva, ha contribuito in sinergia con la federazione nazionale e regionale alla realizzazione di molteplici iniziative, alle quali hanno partecipato istituzioni e rappresentanti del mondo religioso. Tra gli ultimi, il suo contributo di supporto alla segreteria, nella recente giornata dedicata agli alberi: ancora una volta, impegnata a Perugia in un momento tutto dedicato al dialogo intergenerazionale, al futuro di quei giovani con i quali non bisogna mai stancarsi di dialogare, contribuendo in questo modo alla loro consapevolezza nei diritti e alla loro realizzazione nella crescita professionale e personale.

Dal 2020 le spese detraibili vanno pagate con metodi di pagamento tracciabili

Solo pagamenti tracciabili per le spese 2020 da detrarre nella dichiarazione dei redditi 2021.
Fanno eccezione le spese per medicinali, dispositivi medici e prestazioni in strutture del SSN (pubbliche o convenzionate).
Il conto/carta dal quale si effettua il pagamento deve essere intestato alla persona che porterà in detrazione la spesa e oltre alla fattura va conservata la copia della ricevuta del pagamento.

Umbria: sindacati al primo confronto con la presidente Tesei

Stabiliti incontri periodici, con cadenza mensile, per gestione crisi e progettazione sviluppo
 
Primo incontro ufficiale oggi, 10 gennaio, tra la nuova presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e i segretari generali delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, Vincenzo Sgalla, Angelo Manzotti e Claudio Bendini (nella foto). 
I tre segretari hanno esposto alla presidente quelle che sono le priorità per le organizzazioni sindacali, già indicate nella Piattaforma unitaria elaborata nel 2019: ricostruzione post-sisma, a partire dalla questione macerie; legalità, lotta alle infiltrazioni mafiose e sicurezza nei luoghi di lavoro; legge regionale sugli appalti, per mettere fine alla logica del massimo ribasso; investimenti in istruzione e ricerca, con il coinvolgimento delle imprese umbre; rilancio della sanità pubblica. Rispetto a quest’ultimo fondamentale argomento, tra l’altro, i segretari generali hanno invitato la presidente e l’assessore alla Sanità a partecipare all’iniziativa organizzata da Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria dal titolo “La Sanità in Umbria, pubblica e universale”, in programma il prossimo 31 gennaio a Perugia, alla quale interverrà il ministro della Sanità Roberto Speranza.  
Primo, significativo, risultato del confronto odierno è stata la decisione, condivisa dalle parti, di “istituzionalizzare” il confronto tra giunta regionale e organizzazioni sindacali, fissando incontri con cadenza mensile tra la presidente e i segretari generali, nel corso dei quali fare il punto sulle vertenze e sulle situazioni di crisi aperte nella regione, per poi affrontarne la gestione operativa in tavoli tecnici con gli assessori di riferimento. Inoltre, questo confronto permanente avrà l’obiettivo di concordare e condividere le scelte strategiche in materia di lavoro, economia e sociale per lo sviluppo della regione.
“Questo primo appuntamento è da ritenersi positivo – sottolineano Sgalla, Manzotti e Bendini – perché, nel massimo rispetto dei ruoli e delle funzioni, si è individuato un obiettivo strategico comune,  quello del rilancio del lavoro di qualità in Umbria e quindi dello sviluppo della regione, recuperando il gap accumulato negli anni della crisi rispetto al centronord. Inoltre, la decisione di strutturare il confronto con incontri mensili è certamente innovativa e riconosce il ruolo strategico del sindacato nella programmazione delle politiche economiche e sociali regionali. Sarà nostra cura ora mantenere alta l’attenzione e verificare che si passi dalle parole ai fatti. Un primo segnale – concludono i tre segretari generali – potrebbe essere quell’intervento di revisione e rilancio delle società partecipate della Regione che come sindacati chiediamo da tempo”. 
 
Perugia, 10 gennaio 2019
 
Uffici stampa Cgil Cisl Uil Umbria

Alla Colussi di Petrignano d’Assisi lo sciopero e lo stato di agitazione sono momentaneamente sospesi

RSU COLUSSI E FAI, FLAI E UILA: “RIAPRIRE IL TAVOLO CON L’AZIENDA ENTRO IL 17 GENNAIO”

Lo stato di agitazione e lo sciopero a oltranza alla Colussi di Petrignano d’Assisi, di un’ora a turno e iniziato lo scorso 16 dicembre, sono momentaneamente sospesi. A deciderlo i lavoratori che si sono riuniti con la Rsu e i rappresentanti di Fai, Flai e Uila in assemblee nelle giornate di giovedì 9 gennaio (dalle 21,00 alle 22,00) e di venerdì 10 gennaio (dalle 13,00 alle 14,00 e poi dalle 14,00 alle 15,00).
A prevalere il senso di responsabilità e l’attaccamento a una realtà produttiva importante per il tessuto territoriale. “Anche se l’adesione allo sciopero è stata elevata –fanno sapere la Rsu Colussi e i rappresentanti di Fai, Flai e Uila- con questo gesto i lavoratori vogliono dimostrare all’azienda il senso di responsabilità, ma ribadiamo ancora una volta che è necessario immediatamente riaprire il tavolo per entrare nel merito dei contenuti da noi sollevati che riguardano la produttività, la gestione e l’organizzazione del sito umbro”.
Ad essere ribadita l’urgenza di risposte concrete e proprio per questo dalle assemblee arriva la richiesta di un incontro da realizzare prima e non oltre il prossimo 17 gennaio. “Mancate risposte o ciò che sarà definito con l’azienda –concludono- sarà discusso in successive assemblee: saranno gli stessi lavoratori a valutare e decidere se proseguire con ulteriori forme di mobilitazione”.
Rsu Colussi
Fai, Flai e Uila Umbria

Cisl Umbria TV

Labor TV


Labor TV. La TV dei lavoratori


TGR Umbria


Guarda l'ultima edizione del TG Regionale Umbria della RAI.